Q

E' meglio usare il formato GPEG o TIFF?


A

JPEG è un formato "con perdita di qualità": le immagini salvate con estensione .JPEG hanno dimensioni inferiori rispetto a quelle salvate in formati "senza perdita di qualità" (come ad esempio il TIFF). Dimensioni ridotte implicano perdita di qualità.

Quando salvi un file in formato .JPEG puoi scegliere la “qualità” dell’immagine finale utilizzando l’apposito slider. Valori bassi dello slider corrispondono ad una riduzione delle informazioni sull’immagine, cioè l’immagine apparirà degradata (e il file avrà dimensioni ridotte). Il formato JPEG comprime l’immagine eliminando prima le informazioni alle quali l’occhio umano è meno sensibile, per cui nei formati di alta qualità la differenza è quasi impercettibile.

N.B. Una piccola perdita di informazioni è inevitabile in fase di salvataggio in formato .JPEG ed avviene anche quando si salva il file con qualità massima. La perdita di informazioni può risultare impercettibile se l’immagine viene salvata una volta sola ma tieni presente che l’immagine si può degradare anche in seguito poiché la perdita di informazioni avviene ogni volta che apri e salvi l’immagine. Per questo motivo ti suggeriamo di utilizzare il formato TIFF se hai intenzione di apportare numerosi cambiamenti alla tua fotografia e di lavorare in sessioni diverse o utilizzando vari programmi.

Ricorda infine che, una volta salvata l’immagine con qualità bassa, non puoi più tornare indietro né recuperare le informazioni perse.

Se questa risposta non ha risolto il tuo problema, formula una richiesta di assistenza per sottoporre un quesito al nostro staff di supporto.

Indietro